Vacanze al mare, attenti alle orecchie

Vacanze al mare, attenti alle orecchie

Le vacanze estive stanno per cominciare e molti sono già pronti per partire nelle località vacanziere sul mare. La spiaggia, il sole, la tintarella, ma perfino l’acqua, però, nascondono moltissime insidie, soprattutto per i bambini. Per esempio, se non si fa attenzione al sole ci si può scottare o prendere colpi di calore, per questo occorre conoscere bene gli orari di esposizione e cercare di non volersi abbronzare a tutti i costi nei primi giorni. Ma questo è solo uno degli inconvenienti delle vacanze al mare.

La vacanza con i bambini piccoli

otite neonatoQuesta è in assoluto la vacanza più a rischio, ovviamente nel senso che bisogna prestare maggiore attenzione possibile, soprattutto se si tratta di bambini molto piccoli. Può capitare, infatti, che durante il bagnetto dell’acqua possa entrare nelle orecchie smuovendo qualche tappo di cerume, oppure può capitare che il bambino, uscendo dall’acqua, prenda della corrente e finisce che il risultato è un brutto mal d’orecchie, ovvero una fastidiosa nonché dolorosa, otite. A essere maggiormente soggetti sono quei bambini che soffrono di adenoidi e che durante la stagione invernale sono sovente raffreddati, questo perché i muchi ristagnano nelle cavità e danno origine, alla prima occasione, a un’infiammazione.

Il problema però sopraggiunge quando si è in vacanza e non si può andare dal proprio medico pediatra che conosce il bambino e sa come trattarlo. Ovviamente, secondo la località di vacanza, non si può tornare a casa in un batter di ciglia, occorre comunque mettere in conto il tempo del viaggio e nel frattempo il bambino può continuare a stare male o addirittura aggravarsi. La cosa migliore è quella di recarsi da un medico in loco.

Se sei al mare vicino a Roma

Se sei in vacanza al mare in prossimità di Roma, non sarà difficile trovare una guardia medica dove portare il bambino, ma hai presente come siano le guardie mediche d’estate? Soprattutto quelle situate nelle località vacanziere? Affollatissime. Questo significa che dovrai fare delle lunghe file prima che il tuo bambino venga visitato, a meno che non sia davvero molto piccolo e allora potrebbero farti passare come un’urgenza.

Ma può capitare anche che tu venga indirizzato all’ospedale pediatrico Bambin Gesù, a Roma, e allora se da una parte è vero che potrai contare su una buona visita pediatrica, dall’altra è anche vero che dovrai andare  all’ospedale, fare le file, passare in mezzo al traffico che a Roma non manca mai. La cosa peggiore però è se l’otite viene a te o comunque a un adulto. In questo caso puoi star certo che dovrai convivere col dolore per un bel po’ dato che non hai alcuna possibilità di passare come urgenza. Non ti resta che pellegrinare da una guardia medica all’altra perché al pronto soccorso non potrai fare altro che attendere.

La comodità di un medico a domicilio

In alternativa però puoi fruire di un servizio a pagamento fruibile su Roma e dintorni, il servizio di medici a domicilio, tra cui un otorino a roma che sarà in grado di visitarti direttamente presso il tuo hotel, senza quindi doverti far spostare e attraversare la città con un dolore talvolta anche molto pungente. Una volta che il medico ti avrà visitato ti prescriverà la giusta terapia, e tu potrai continuare a goderti la vacanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *